risotto al pomodoro Risotto al pomodoro Risotto al pomodoro

 

Risotto al pomodoro è una ricetta molto facile da preparare con alcuni passaggi del riso che richiedono particolare attenzione. Perfetto per un pranzo domenicale  e ideale per i bimbi ma anche per grandi. Ogni volta che posso preparo questo riso in abbondanza cosi il riso che mi avanza mi piace riutilizzarlo per preparare dei fantastici supplì cosi abbiamo zero sprechi.

 

Risotto al pomodoro

  • Porzioni: 5 Persone
  • Problema: Facile
  • Stampa

 

ingredienti

  • 1kg Macinato di vitella
  • 8 Cucchiai di Olio extravergine d’oliva
  • 1/2 Cipolla
  • 2 Carote
  • 2kg Passata di pomodoro
  • 8 Manciate di riso
  • 50g Burro
  • 5 Cucchiai di parmigiano
  • Sale pepe Q.B.
  • Brodo vegetale Q.B.
  • 1/2 Bicchiere di vino bianco

 

Istruzioni

  1. In una pila mettiamo olio, cipolla e carota facciamo soffriggere per qualche minuto, quando la cipolla è ben rosolata mettiamo il macinato con un pizzico di sale e cominciamo disfarlo con un cucchiaio di legno.
  2. Una volta che il macinato è ben disfatto versiamo mezzo bicchiere di vino e facciamo sfumare fino a quando l’odore del vino non è svanito, dopodiché versiamo il pomodoro saliamo abbondantemente e mettiamo un pizzico di pepe, copriamo e facciamo cuocere per un ora.
  3. In un tegame con i bordi medi mettiamo il riso a fuoco medio basso facciamo tostare il riso fino a quando toccandolo con le mani non sarà caldo, saliamo leggermente e versiamoci 2 mestoli di brodo di pollo se non abbiamo a disposizione il tempo di prepararlo possiamo utilizzare i dadi classici o altrimenti acqua.
  4. Versiamo 5 mestoli di pomodoro che abbiamo cotto in precedenza mescoliamo e aggiungiamo 2 mestoli di brodo continuando a mescolare, aggiungiamo i successivi non prima che i precedenti si siano ben assorbiti.
  5. Portiamo a cottura il riso e, una volta cotto aggiungiamo il burro e il parmigiano mescoliamo e serviamo.

Note: Possiamo se ci piace mettere a fine cottura 2 mozzarelle precedentemente fatte a cubetti.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *